• THE GRUDGE

    THE GRUDGE

    Dirigere sempre lo stesso film, che è poi se non una serie di variazioni sulla stessa scena primaria delle visioni terrifiche: deambulazioni di corpi in spazio infestato. Destino bizzarro quello di Shimizu Takashi, ormai alla quinta (...)


  • PRIMA DEL TRAMONTO

    PRIMA DEL TRAMONTO

    Le parole leggere, e lo svanire, ellittico. Di questi materiali è fatto Prima del tramonto. Come l’altra volta, quando il conto alla rovescia si consumava Prima dell’alba, l’incessante e pur cristallino dipanarsi dei dialoghi rimanda alle (...)


  • 2046

    2046

    Criticare 2046? Come si fa? Meglio fare altro. Tentare di definire, per esempio. 2046 o il rondò delle dimenticanze. Si fugge dal ricordo, e si è a lui incatenati, come ai propri segreti. Perché la memoria è un posto nel futuro da cui (...)


  • 2046

    2046

    Criticare 2046? Come si fa? Meglio fare altro. Tentare di definire, per esempio. 2046 o il rondò delle dimenticanze. Si fugge dal ricordo, e si è a lui incatenati, come ai propri segreti. Perché la memoria è un posto nel futuro da cui (...)


  • DE-LOVELY

    DE-LOVELY

    Fa piacere ogni tanto infilarsi in un tunnel di rigorosa e orgogliosa inattualità come quello aperto da Irwin Winkler con De-Lovely. Una cinebiografia che si fa musical grazie alle cure di un regista-arcangelo della morte (Pryce) che (...)


  • COLLATERAL

    COLLATERAL

    Per esplorare la struttura segreta dello spazio, niente di meglio delle tenebre. Ce lo hanno insegnato ultimamente due lunghe, memorabili maratone notturne come quelle di PTU (Johnnie To) e Collateral (Michael Mann). Notti alla (...)


  • HERO

    HERO

    Hero è il miglior Zhang Yimou possibile? Sicuramente, giocando su un terreno simile, straccia su tutta la linea La tigre e il dragone. Altrettanto sicuramente non può attingere alle altezze dei capolavori di Tsui Hark e Ching Siu-tung, (...)


  • Old boy

    Old boy

    “Frattaglie”. Così una nota critica cinematografica scriveva papale papale su un noto settimanale di informazione di moderate tendenze sinistrorse a proposito di Old Boy, in un articolo non troppo lusinghiero sul programma di Cannes 2004. (...)


  • COSI' FAN TUTTI

    COSI’ FAN TUTTI

    Questione di giustezza di tono. Di perizia equilibristica: tra lo scintillio di superficie della commedia boulevardiere e le leggere profondità del tocco nouvelle vague. È quello che sembrano avere raggiunto i maghi della sottigliezza (...)


  • I film dell'anno 2003-2004

    I film dell’anno 2003-2004

    NOTA PRIMA DELLA CONSULTAZIONE La classifica riguarda i film usciti nelle sale italiane dall’agosto 2003 al luglio 2004. I film visti ai festival, in dvd o in altre forme sono segnalati fuori classifica. In redazione si è sviluppato in (...)