X

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicit‡ in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di pi˘ o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Chiudendo questo banner, invece, presti il consenso allíuso di tutti i cookie



’Cinema zenit’, personale dell’artista Andrea Bruno al Centre d’Art Contemporain Genève

Pubblicato il 16 maggio 2014 da Carlo Dutto


'Cinema zenit', personale dell'artista Andrea Bruno al Centre d'Art Contemporain Genève

In occasione della Notte dei Musei di Ginevra, sabato 17 maggio alle ore 17, presso il Centre d’Art Contemporain Genève si inaugura Cinema zenit, personale di Andrea Bruno.

Cinema Zenit è la mostra personale con cui il Centre d’Art Contemporain Gèneve apre le porte al fumetto contemporaneo scegliendo l’opera di Andrea Bruno, uno degli autori più interessanti del panorama internazionale, che filtra la lezione di grandi maestri della scuola argentina e italiana come Alberto Breccia, Josè Munoz, Sergio Toppi, Hugo Pratt, per poi sperimentare modalità narrative che restituiscono una esperienza unica di lettura e visione.

Andrea Bruno predilige un racconto in cui il non detto, lo straniamento dei personaggi, le ambientazioni oniriche, diventano costanti di una ricerca sul linguaggio, sul segno, sulla narrazione. In vent’anni l’autore ha definito uno stile sempre più personale che ha abbandonato la linea e il pennino, per macchie nere di china e l’uso di un pennello con grumi secchi, o cartoni ondulati da usare come tamponi. Questa tecnica asseconda una spinta impressionista-espressionista e restituisce figure, corpi, volti, che dal contrasto tra un nero profondo e un bianco puro, sembrano fuoriuscire dalla carta come una fatamorgana. L’effetto complessivo di alcune immagini, e delle sequenze di tavole, è di una visione potente più che di una lettura, qualcosa di simile a quella dimensione fantasmatica che possono lasciare certe pellicole di Tarkovskij o Bela Tarr.

Andrea Bellini, direttore del Centre d’Art Contemporain Genève, sottolinea “La speciale inchiostrazione di Bruno procede per molteplici stratificazioni, per accumuli e sottrazioni continue. Intere zone delle tavole possono essere completamente astratte, barriere coralline in bianco e nero dalle quali emergono sbigottiti – come incisi nella pece – degli antieroi contemporanei. Tuttavia Bruno non è, e non vuole essere, un pittore: il processo di nascita delle immagini, la grammatica del racconto, il segno stesso, nascono da una riflessione e da una ricerca tutta interna alla pratica e al linguaggio del fumetto. ”

Cinema Zenit è un progetto in progress che nasce al Centre d’Art Contemporain Genève e prevede tre pubblicazioni di grande formato, e tre mostre in cui esporre via via lo sviluppo dell’intera narrazione e dei disegni che nascono lateralmente alla storia a fumetti.

Lo scenario di Cinema Zenit è onirico, quasi una proiezione ininterrotta di film in una sala cinematografica abbandonata, tra personaggi improbabili e misteriose apparizioni. Nel racconto una giovane straniera soggiorna in una città notturna, vitale e degradata, percorsa da una sottile tensione tra gli orgogliosi abitanti e minacciose forze occupanti. Tra incontri inattesi e curiosi incidenti il lettore la segue mentre si avvicina al cuore proibito della città vecchia, immersa in atmosfere dai toni perturbanti. L’opera esprime il tentativo di esplorare le potenzialità di una narrazione fortemente visiva e articolata, attraverso il consolidamento di un bianco e nero inteso come precondizione espressiva non negoziabile.

In mostra, oltre agli originali di Cinema Zenit sono esposte tavole e disegni dell’ultima produzione dell’autore, dalle tavole di Sabato tregua (Canicola, 2011) ai disegni in grande formato per Biblioteca onirica (Alessandro Berardinelli editore, 2013).

L’AUTORE
Andrea Bruno (Catania, 1972) autore di fumetti ha pubblicato su numerose riviste e antologie internazionali. I suoi libri recenti sono Brodo di niente (Canicola, 2007), Sabato tregua (Canicola, 2009) e Come le strisce che lasciano gli aerei (Coconino, 2012, su testi di Vasco Brondi), pubblicati anche in Francia da Rackham editions, e il "leporello" in serigrafia della serie Biblioteca onirica (Alessandro Berardinelli Editore, 2013). Ha ricevuto numerosi premi ed esposto in personali a Bologna, Agrigento, Perugia, Lucerna, Stoccolma, San Pietroburgo, Buenos Aires, Parigi. Vive a Bologna. ww.blackindianik.com

Canicola associazione culturale è nata a Bologna nel 2004. Attraverso un progetto editoriale di ricerca in ambito grafico e narrativo, esposizioni, workshop, presenza a festival, si occupa di fumetto contemporaneo e disegno. La produzione si concentra su una rivista a progetto e libri di autori italiani a cui si affianca la traduzione di autori inediti in Italia. Canicola fa rete culturale con le altre realtà internazionali affini e ha ricevuto per la sua attività diversi premi e riconoscimenti nazionali e all’estero.

Per maggiori informazioni:
www.centre.ch
www.canicola.net

Date e orari della mostra
17 maggio - 17 agosto 2014
Mart-dom: h. 11-18


Enregistrer au format PDF