• Tutti i soldi del mondo

    Tutti i soldi del mondo

    L’arrivo in Italia di Tutti i soldi del mondo a pochi giorni di distanza dalla prima americana è ancora tutto nel segno delle vicende extra-cinematografiche ruotanti intorno a Kevin Spacey che interpretava il miliardario americano e che (...)


  • Due sotto il burqa

    Due sotto il burqa

    Ci sono tante ragioni – al cinema - per travestirsi: chi lo fa per dare corpo alla propria identità sessuale più profonda, chi, come Jack Lemmon e Tony Curtis, per salvare la pelle, chi, come Dustin Hoffmann o Julie Andrews, per trovare (...)


  • The Square Perché Sì

    The Square Perché Sì

    Non avranno certamente il valore auratico di Leoni, Orsi e Palme d’Oro, non avranno certamente il valore commerciale (e auratico) degli Oscar, ma gli European Film Awards una qualche importanza, vivaddio, ce l’hanno. Quest’anno – la (...)


  • L'insulto

    L’insulto

    La candidatura all’Oscar come miglior film straniero risponde, lo si sa, a logiche abbastanza riconoscibili, la più frequente delle quali è l’utilizzo del cinema come veicolo etnografico e ancor più storiografico. Non c’è film tedesco per (...)


  • Smetto quando voglio - Ad honorem

    Smetto quando voglio - Ad honorem

    Annunciato già nella scena finale della seconda puntata Smetto quando voglio –Masterclass, uscito solo pochi mesi fa, arriva nelle sale la terza e ultima puntata Smetto quando voglio – Ad Honorem che conclude la trilogia iniziata tre anni (...)


  • The Place

    The Place

    “Favola allegorica a fine spiccatamente pedagogico”, così definisce il Devoto il lemma “apologo” – e che nel caso di The Place di Paolo Genovese di un apologo si tratti non crediamo vi siano dubbi, per lo meno relativamente alle intenzioni (...)


  • The Big Sick

    The Big Sick

    Le commedie polarizzano sempre, non c’è niente di meno condiviso della comicità, ognuno di noi ha la propria playlist e le proprie idiosincrasie, o i comici divertono, fino a far sbellicare dalle risa oppure non divertono per niente. (...)


  • Una donna fantastica

    Una donna fantastica

    Ci piace pensare che il titolo – Una mujer fantástica - dell’ultimo, ottimo film di Sebastian Lélio sia, fra le altre cose, da leggersi come involontario omaggio al grande Tzvetan Todorov, scomparso da poco. Non solo quindi un giudizio di (...)


  • L'ordine delle cose

    L’ordine delle cose

    Il conflitto su cui si regge soprattutto la parte conclusiva de L’ordine delle cose, l’ultimo film di Andrea Segre, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, nella sezione “Proiezioni Speciali” è di quelli importanti, un conflitto (...)


  • Il colore nascosto delle cose

    Il colore nascosto delle cose

    A cominciare dal titolo la nuova opera di Silvio Soldini - che torna a girare un film di finzione dopo cinque anni - Il colore nascosto delle cose (simmetrico a: L’aria serena dell’Ovest, Un’anima divisa in due…) è un film con molti (...)