X

Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicit‡ in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di pi˘ o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca qui. Chiudendo questo banner, invece, presti il consenso allíuso di tutti i cookie



Roma, 10 febbraio: ’Noi non siamo come James Bond’ per il Mese del Documentario

Pubblicato il 10 febbraio 2014 da Carlo Dutto


Roma, 10 febbraio: 'Noi non siamo come James Bond' per il Mese del Documentario

Questa sera alla Casa del Cinema di Roma alle ore 21:00, per la bellissima rassegna IL MESE DEL DOCUMENTARIO, sarà proiettato a ingresso gratuito fino ad esaurimento posti, Noi non siamo come James Bond di Mario Balsamo e Guido Gabrielli, alla presenza di Mario Balsamo. Il film ha iniziato il suo percorso nel 2012 al 30° Torino Film Festival dove ha vinto il Premio Speciale della Giuria, presieduta da Paolo Sorrentino e, dopo un lungo percorso di successi e riconoscimenti, è ora candidato al Doc/it Professional Award per diventare il miglior documentario italiano dell’anno. Il regista Mario Balsamo e l’amico Guido Gabrielli tornano sullo schermo di 10 città per domandare al pubblico italiano e internazionale: si può essere immortali come James Bond? Balsamo e Gabrielli, amici del cuore colpiti entrambi dal cancro, iniziano un viaggio deciso trent’anni prima e, muniti di smoking e 500 d’epoca, vanno alla ricerca di Sean Connery ..Dimostrandoci che invece dell’immortalità ci sono valori come l’ironia e l’amicizia che valgono davvero molto di più.

Oltre ad essere candidato al premio di categoria Doc/it Professional Award Noi non siamo come James Bond concorre anche al premio del pubblico italiano (offerto dall’Associazione Centoautori) e internazionale (offerto da Doc/it). I vincitori verranno comunicati il 21 febbraio durante la serata di premiazione de Il Mese del Documentario nel quale il film è finalista. Mario Balsamo è filmmaker documentarista, scrittore e docente. La sua filmografia è incentrata su temi antropologici, di viaggio, culturali e sociali e fra i diciannove titoli di cui è autore ricordiamo il documentario del 2008 Sognavo le nuvole colorate (Festival di Locarno 2008; Roma Film Fest 2008; Bellaria Film Festival – Premio Casa Rossa; Italia Film Fest –per il cinema italiano 2008; Filmmaker 2008; Salina Doc Fest 2008; Festival dei Popoli 2008; Italia Doc 2009; Visioni Italiane 2009) e Sotto il cielo di Baghdad (2003), film documentario finalista al Premio Libero Bizzarri 2003 e al Festival di Annecy.

Un gioiello di rara poesia, una prova di grande coraggio, un insegnamento su come affrontare il passaggio di una grande avversità”. Carlo Verdone


Enregistrer au format PDF